Parole

Con occhi di dea (15-03-1997)


Lacrime per un'onda di musica
che avvicina il cuore al paradiso.
Lacrime di gioia quando ti vedo
e ti posso stringere dentro di me.
La tua voce è una pelle d'oca
su tutto il corpo emozionato da
ricordi e momenti che scivolano
nel tempo, come le lacrime alle
tue labbra che sfioro con un bacio.
Lacrime senza sale, lacrime dolci
per te e per me sempre.



Spazzami (24-01-1997)


Dimentica il vento, la musica
il profumo dell'erba bagnata
dimentica i ricordi.
Spazzami via
come quella neve appoggiata
sui rami dei pini
in montagna.
Un soffio e via.



Davanti (24-01-1997, Trieste)


Davanti al mare
io e i tuoi ricordi
danzano per amarsi
di nuovo. Sotto il cielo
cinereo le onde cullano
la passione, sulle ali
del vento i dolci sussurri
infiammano. Esplodono
baci in un bacio perché
tu lo vuoi quanto lo
voglio io. E quando
mi stringi forte fra
le tue braccia dimmi
ti amo. Ancora?
Per sempre,
oltre la morte.



Guardo (24-01-1997, Trieste)


Guardo il battere d'ali
di un gabbiano, mentre
scendo in picchiata verso il
mio cuore dove ti ho lasciata.
Non capisco lo sguardo
dei nostri occhi,
ma un vuoto si fa spazio
tra le budella e decido di
baciarti. Accarezzo il tuo volto
mi avvicino alle tue
labbra dolci che si schiudono
come un invito. Appoggio la
mia bocca alla tua e lascio
che mille passioni s'incontrino.
Non apro gli occhi
finché la mia bocca non
è sazia di te.
Tutti i nodi sono sciolti
ed ora ti guardo e capisco
tutto...
o forse niente.



Calore (04-01-1997)


Abbracciami
sento il tuo calore
stringermi forte e...
abbracciami.
Mi ricordo di quella volta
che mi hai detto
ti amo per sempre e...
abbracciami.



Brividi (16-11-1996)


Sei tu nel vento
di cui ho paura.
Sei tu il vento
che non intendo.
Attraverso i brividi
dei miei pensieri
sfilano i sospiri
di un tempo
che oggi più di ieri
mi prendono e
lasciano il vuoto.



Ali A Alessandro (07-07-1996)


Giochi, giocattoli
sul trenino della vita,
un'altra stazione
è passata, mentre
fazzoletti bianchi scorrono
al lato del finestrino
volti di amici
con un sorriso stampato
sul volto; la mano fuori
accarezza il cuore
di ciascuno e l'anima
vola sulle ali di una
farfalla lilla pois;
in picchiata guizza
felice come la coda
di un cagnolino
cercando pace, serenità
soprattutto amore.



Ladybird (09-06-1996)


La felicità non è di nessuno
l'egoismo ed il tempo appartengono
al mondo dell'unicorno, ma il mago
Merlino è volato via, inseguito
dalla strega Camilla. La televisione
e le auto da corsa sono cose che posso
mangiare con gli occhi.



Sinapsi (23-05-1996)


I gorghi del cervello
sballonzano i pensieri
da una parte all'altra
delle sponde neuroniche;
mentre ricordi, desideri,
sentimenti sono salde
ancore a cui mi stringo
per non scivolare via.



Treni e stazioni A Monica (12-05-1996)


Sul binario scivola
il carico zoppo;
all'orizzonte lo scintillio
del diavolo, che brama
l'anima di quel povero
cristo sulla banchina
infreddolito, tutto in sé,
illumina distratto
i volti passare
tam tam in un lampo.

L'orologio contrappunto segna
un altro minuto; la lunga lancetta
scatta e travolge in un maelstrom
di chiacchere pensieri l'intonaco
della stazione ed i treni.

Bugie.

Non ho mai visto l'alba
a cavallo d'un treno.