Ondina

1775 (03-01-1998)


I miei neuroni impazziti
naufragano
il mio cuore graffiato.
Programmo per ore
in cerca dell'ultimo
bite, forse per dimenticare
quel bug che chiamano
amore.



Maiuscola e Punto (29-11-1997)


Corre nella notte il
pensiero di te
battito cardiaco puro
che brucia tutto:
senza tregua inseguo
le tue emozioni
pelle contro pelle
anelo un bacio
perso fra le tue labbra.

La tua voce e il tuo profumo
la tua pelle, il tuo ricordo
delirio di un abisso
che bordeggio
senza paura.



Visione (12-09-1997)


Perdo due battiti
mentre ti guardo
gli occhi azzurri e
le mani di seta.
Le farfalle nello stomaco
ed il caldo
fanno il resto.



Lontano (05-09-1997)


Pienso en ti
dejando a un lado
mis pensamientos
perdiendo la mirada
en el orizonte
buscandote.
Las flores, las nubes, el viento
dejan tu pelo tan suelto,
amor y libertad.



Cielo (30-08-1997)


Nuvole rivoltate
nell'azzurro cremisi
da una parte del mondo
baffi di vento
fra la luna ed il blu notte
dall'altra
stringono il cielo
in un abbraccio mozzafiato.
Corre via il sole ed io rimango
senza colori a pensare.



Petali (30-08-1997)


Sei la sabbia della mia
clessidra ed io conto
ogni tuo granello che
passa perché senza te
non esiste il tempo.

Le onde dell'anima
lambiscono le spiagge
del mio cuore; ad un ritmo
di walzer danzo con te
e non vorrei mai smettere.



Brividi (27-08-1997)


Con la forza del cuore
ammainare la ragione
spiegare i sentimenti
liberi in alto mare
d'inseguire le tue carezze.
Seguo i movimenti
della bocca voluttuosa
in un gioco ipnotico,
ti accarezzo i capelli
con la tua testa
appoggiata sulla mia
spalla ed il mondo siamo
noi, permettimi
di amarti.



Dea (24-08-1997)


La musica di una conchiglia
trasportata dalle onde
sulla spiaggia
il canto di una sirena
che gioca fra i flutti
la nascita di Venere
la cui bellezza rende ciechi
niente
scuote il mio cuore
quanto le dolci parole
che mi vengono rivolte
da una dea in terra,
che si vela dietro
la danza sensuale di un onda.
Viene e si ritira
accarezzando la sabbia
senza fine, lasciando qualcosa
che non c'era prima
prendendo quello che le viene
donato.
E quando il sole si riversa nel
mare, mi piacerebbe tingermi
di rosso per unirmi a lei
abbracciarla e sentire
l'universo che mi scorre dentro.
Ma quella piccola onda
è irraggiungibile come una dea,
si stringe al suo sole, scompare
avvolta nel buio, lasciando
qualche segno bianco nel mare.



Tempesta (22-08-1997)


Raggio di sole,
da quando
ci siamo conosciuti
ho cominciato
a contare le notti che passo solo
senza tempo senza calore.
Mi perdo nel tuo viso
con un sorriso
cercando
di
baciarti.



Immorale (07-08-1997)


E tu ti apri
e ti lasci andare
alla deriva
con un bacio strappato
nel vento della
passione; caratteri
senza senso su un tubo
a raggi x trasportano
dolci pressioni
tattili, che ti fanno
sentire amata.
Sale dal fondo
un vortice che
infiamma dentro
anche l'amianto
della coscienza.



Inferno (29-07-1997)


Inseguire un bacio
all'inferno
danzare nel baratro
più oscuro,
fiore del paradiso,
lasciati cogliere
nella brezza della sera.
Un profumo inebriante
sfiora la seta della
tua pelle, la mia pelle
brucia aspettando
l'alba che t'illumina.



Volare è sognare (29-07-1997)


Sei la luce del mondo
che illumina il mio cuore
che colora l'universo.
Ti vorrei guardare
negli occhi
e dirti ti amo,
ma una parola in più
non sarebbe amore
sarebbe passione.
Così non ti dimentico
e lascio sul mio cuore
il migliore dei fiori: tu,
stella marina
trasportata dalle onde
in riva al mare.




Mi accomoderò e aspetterò che tu, desiderata,
entri simile a una dea.
(Epicuro)



Soffrire e sognare, piangere e amare sono quei scarabocchi neri che
lasciamo sul foglio di carta bianco, niente di più, perché
il resto rimane nel cuore, i cui battiti non possiamo fermare.
Non possiamo smettere di ricordare i batticuori e la pelle d'oca
che ci hanno tenuti svegli notti intere, soffrire e amare, per sempre.



Sono quello che i tuoi occhi pensano e la tua mente guarda.



Vorrei essere quel cerbiatto che fugge ai tuoi occhi o
il falco che si adagia sulla tua spalla,
perché con te vicino mi sento il cuore a mille,
la testa sulla luna.



Quando mi sentirò un onda nel mare? Così sola,
eppure niente senza il mare che la contiene con tutte le altre.



Passerò su questa terra una sola volta. Se c'è gentilezza
che possa mostrarti, dimmelo. Non passerò un'altra volta.



Immagino con gli occhi della mente di vivere senza te,
ma i pensieri appassirebbero come i fiori senza sole.



Vorrei essere quella goccia di rugiada che disseta la rosa che sei.



Ma senza te anche i bytes non brillano ed
i login rimangono senza password.
In quale mare ti posso trovare, per raggiungerti e baciare?